Pasolini oggi: le Ceneri e l’urgenza

Pier Paolo Pasolini

Una rilettura dell’autore a 40 anni dalla sua morte

Ci si può chiedere: ha ancora senso leggere Pasolini a quarant’anni dalla morte? E, se la risposta risulta affermativa, quale testo? In poesia o in versi? Che sia meglio invece accogliere lo scandalo tramite il suo cinema?

Facciamo ordine.

Di cinema preferisco tacere, non frequento abbastanza la settima arte. Testi allora, e qui si intrufola l’aneddoto. Pochi giorni fa, un caro amico mi espresse il desiderio di volersi misurare con la produzione di quello che io chiamo, in modo affettuoso (e dal punto di vista intellettuale, pretenzioso), semplicemente “Pier Paolo”. D’istinto, gli consigliai Le ceneri di Gramsci, edite da Garzanti nel 1957. Nelle righe che seguono, cercherò di dar ragione della mia scelta, in modo precario, ma credo, tuttavia necessario. Dunque, cerchiamo un punto dal quale prendere le mosse.

[CONTINUA…]

Se vi siete persi il cartaceo, il numero di Dicembre 2015 di Pass Magazine è online! Leggi la versione completa dell’articolo di Luca Pizzi a pagina 15.

Alessandro Bonfante
Direttore editoriale di Pass Magazine da ottobre 2017, in redazione dal 2014. Laureato in lingue per il commercio e laureando alla magistrale di editoria e giornalismo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.