Natale 2017: quanti sono i regali che gli studenti sono disposti a comprare?

Facebooktwittergoogle_plusinstagram

Riprendono i sondaggi firmati Pass Magazine, rivolti agli studenti universitari veronesi. Il tema di questo studiato ed impegnato sondaggio era la disponibilità degli studenti a comprare regali di Natale. Queste sono le risposte.

a cura di Beatrice Castioni

 

Il 25% di noi confessa che scegliere i regali sia affare difficile e quindi lo sforzo lo fa solo per il ragazzo / ragazza, giusto per non far naufragare i rapporti sentimentali (che poi, sotto le Feste, pare ancora più brutto).

Un altro 25 % è invece la personificazione del “Mai una gioia”: gli studenti, si sa, non dispongono in genere di grandi finanze, e in tempi di magra come questi non ci si può permettere di regalare qualcosa nemmeno a se stessi! Per questa percentuale saranno gentilmente offerti dalla redazione una pacca sulla spalla consolatoria e un pacco maxi di fazzoletti tre veli per i previsti pianti disperati.

Il 16,7 % ha pensato a regalini poco costosi per gli amici più stretti, per dimostrare di tenerci ma senza spendere un patrimonio. Non si fa un torto a nessuno e si continua a concorrere per il premio “Miglior amico di sempre con budget nella media”.

Proseguiamo con un 16,7 %, che è l’alter ego di Happy Elf e non vede l’ora di vedere le espressioni estasiate dei propri conoscenti di fronte ai mille regali che ha progettato con tanta cura ed attenzione. Le lucine dell’albero e i pacchetti adagiati ai suoi piedi li mandano in brodo di giuggiole e possiamo quindi confermare che vivano per il Natale.

L’8,3 % ha comprato qualcosa per i familiari e basta, perché in fin dei conti, la famiglia è sempre la famiglia! E se poi dobbiamo chiedere qualche favore ad un suo membro, meglio dimostrarsi sempre carini e altruisti.

Infine un 8,3 % di noi, sappiatelo, è la Paris Hilton veronese: non bada a spese per far felici amici, fidanzati e familiari, e spende e spande come fosse l’ultimo Natale nella storia. A queste persone la redazione chiede di grazia il contatto Whatsapp, perché sente l’urgenza impellente di stringere nuove amicizie.

Nessuno, e dico nessuno, dichiara che potrebbe cedere all’acquisto compulsivo solo in caso trovasse in stock una serie di idee regalo che possano andare bene per tutti e che permetterebbero al tempo stesso di risparmiare qualche spicciolo.

 

Bene, eccovi svelate le percentuali di questo sondaggio natalizio. Avete partecipato con curiosità e il nostro invito è quello di continuare così anche per il prossimo sondaggio, a tema Capodanno: https://goo.gl/forms/u0MTHTuhOrBjuxpw2. A presto!

 

Facebooktwittergoogle_plus

Lascia un commento