Elezioni studentesche Univr: 10 (+1) domande alle liste

Facebooktwittergoogle_plusinstagram

Intervista multipla alle liste in corsa per le elezioni

Il 29, 30 e 31 maggio si terranno le elezioni per i rappresentanti degli studenti negli organi dell’università di Verona. Se ti servono delle info le trovi qui:

Alle liste in corsa per le elezioni (OLTRE – Studenti per il futuro, Student Office, SUV – Studenti Universitari Veronesi, Medicinamente e Debug 3.0) abbiamo sottoposto dieci domande. Ecco le risposte che ci sono arrivate (aggiorneremo se ne arrivassero altre).

1) Nome della lista, quanti candidati avete, per quali organi vi presentate?

MEDICINAMENTE: La nostra lista si chiama Medicinamente, siamo un gruppo di 17 ragazzi tutti iscritti ai corsi di laurea della Scuola di Medicina e Chirurgia. Abbiamo deciso di mantenere la linea di pensiero per cui è nata la nostra lista e abbiamo presentato candidati privilegiando gli organi periferici come i collegi didattici. Abbiamo un candidato per il Consiglio degli Studenti e un buon team per il Consiglio della Scuola di Medicina e Chirurgia. I nostri candidati poi sono per i collegi di altri sei corsi di laurea tra cui Medicina.

OLTRE: OLTRE studenti per il futuro, siamo 34 candidati per tutti gli organi centrali e per gli organi dipartimentali di quasi tutti i dipartimenti.

2) Breve storia della lista e se si riconosce in qualche area politica.

MEDICINAMENTE: La nostra lista nasce nel 2013 da studenti di medicina con l’esigenza di una lista più “pratica” e meno legata a ideologismi e correnti politiche. Il loro primo obiettivo era la difesa dei diritti degli studenti di medicina nel post laurea, quando le borse di studio per le specializzazioni erano poche ma c’era una forte necessità di figure mediche all’interno egli ospedali, con conseguente sovraccarico di lavoro. Medicinamente è comunque apolitica e si concentra sulle problematiche di didattica e di gestione degli spazi degli istituti biologici.

OLTRE: La nostra lista nasce due anni fa dall’idea di un gruppo di ragazzi di mettersi in gioco e impegnarsi a far bene per la comunità studentesca, non ci riconosciamo a un ideale politico di gruppo ma facciamo tesoro delle idee personali di ognuno.

3) Quanti dei vostri candidati hanno già esperienza di rappresentanza in organi dell’ateneo? Quanti nuovi entrati nel gruppo?

MEDICINAMENTE: Molti sono già rappresentanti dei propri corsi di studio ma essendo una lista piccola il ricambio è pressoché totale.

OLTRE: Sono 3 i candidati che hanno già esperienza nel campo della rappresentanza studentesca mentre la maggior parte del gruppo è formata da persone con tanta curiosità e voglia di fare

4) Qual è la vostra idea di rappresentanza?

MEDICINAMENTE: La rappresentanza deve essere attiva e propositiva, deve riguardare prima di tutto le problematiche degli studenti e risolvere le questioni riguardanti didattica e possibilità di studio. L’università è un mondo bellissimo e pieno di stimoli, ma dobbiamo sempre ricordarci che il primo dovere per uno studente è passare gli esami e laurearsi, se iniziano ad esserci ostacoli a questo è lì che bisogna intervenire.

OLTRE: La nostra idea di rappresentanza vede lo studente e la comunità al centro di tutto, chi ha fatto parte della lista nella precedente tornata elettorale ha dato il massimo per portare avanti le istanze degli studenti e risolvere i problemi e nel passaggio di testimone ci siamo assicurati che il valore dell’impegno per la comunità sia condiviso da tutti i nuovi candidati.

5) Qual è la vostra idea di università?

MEDICINAMENTE: L’università è il luogo di conoscenza per antonomasia, dovrebbe essere il luogo di incontro di pensieri e ideologie diverse che con razionalità e personalità si confrontano, migliorandosi ed evolvendo. Non dovrebbe essere solo un posto dove si apprendono passivamente le materie insegnate, ma dovrebbe sviluppare un percorso di crescita del tutto personale per lo studente, in pieno stile maieutico

OLTRE: L’università deve essere vissuta come un’esperienza di vita e non come una fabbrica di diplomi, quindi ci teniamo a che la comunità studentesca diventi coesa e pronta alla condivisione quotidiana.

6) I punti fondamentali del vostro programma

MEDICINAMENTE: Sono sicuramente la gestione degli spazi e delle strutture: per troppo tempo il polo di Borgo Roma è stato lasciato a sé stesso senza nessun tipo di coinvolgimento da parte del corpo studentesco. Non abbiamo sufficienti posti per studiare, per ripetere, perfino per sederci. Fino all’anno scorso non c’erano delle postazioni per mangiare il pranzo portato da casa e gli orari della biblioteca sono ridicoli in confronto alle ore di studio che dobbiamo affrontare.

OLTRE:

  • Maggiori spazi per la vita quotidiana e per la condivisione tra gli studenti;
  • Guida universitaria su dove mangiare, studiare, e gli eventi annuali da non perdere;
  • Miglioramento dei servizi di segreteria
  • Miglioramento dei servizi del CLA

7) In cosa vi differenziate dagli altri? Perché gli studenti dovrebbero votare voi?

MEDICINAMENTE: Noi ovviamente ci rivolgiamo agli studenti degli istituti biologici e il nostro programma ricalca le loro necessità che abbiamo sì esperito noi stessi ma anche raccolto nei vari corsi. Inoltre la nostra lista promuove la cura della persona in maniera olistica incoraggiando eventi multidisciplinari e abituando lo studente a ragionare in un’ottica professionale di team work, la direzione che sta prendendo la nuova società della cura.

OLTRE: Siamo una lista che condivide l’impegno per aiutare gli altri e per far bene alla comunità, non abbiamo idee o interessi politici che ci legano ma solo la voglia di lavorare per migliorare la vita dello studente all’interno dell’ateneo come Medicinamente e Debug abbiamo a cuore la vita nel dipartimento che è la prima realtà con la quale si confronta ogni giorno lo studente.

8) Come giudicate il lavoro svolto dal consiglio degli studenti nell’ultimo mandato (periodo Cau e Turi)?

MEDICINAMENTE: Il lavoro svolto è stato buono ma soprattutto inclusivo, a queste elezioni per gli organi centrali sosteniamo la lista Oltre con cui ci siamo coordinati fin da subito per comporre la nostra squadra. Così dovrebbero essere gestite le organizzazioni studentesche, con lungimiranza e collaborazione.

OLTRE: L’ultimo mandato del consiglio studenti targato OLTRE ha portato a casa molti successi e ha cercato di seguire il più possibile il programma che i candidati avevano prefissato riuscendo a spuntare molti degli obbiettivi che si era posta la lista nel momento della sua creazione. Tra gli obbiettivi raggiunti più visibili vi sono: la divisione della tassazione in tre rate, l’avvio e lo sviluppo degli spazi associativi, l’installazione delle fontanelle nelle biblioteche di tutto l’ateneo. Degli ultimi giorni la discussione con gli organi competenti per portare la pubblicazione delle date degli appelli a 60 giorni.

9) Che rapporto c’è fra rappresentanti e ateneo?

MEDICINAMENTE: Questa è una nota dolente, purtroppo mi accorgo come questi organi sia molto sottovalutati e bistrattati. A livello di interesse da parte del corpo studentesco e dei professori direi che la partecipazione è pari a zero e la maggior parte dei essi fatica a sapere quali siano gli organi di rappresentanza degli studenti, questo vuol dire che c’è ancora molto lavoro da fare, soprattutto di sensibilizzazione.

OLTRE: L’ateneo è molto attento alla voce dei rappresentanti degli studenti, anche se a volte alcuni docenti sono un po’ restii ad ascoltare quello che gli studenti hanno da dire in generale la comunicazione è molto attiva e molto proficua

10) Il mandato del rettore Sartor scadrà nel 2019. Come giudicate il suo mandato?

MEDICINAMENTE: Il rettore ha svolto il suo dovere in maniera puntuale, ma da parte nostra Sartor e tutto il corpo docente dovrebbero ricordarsi che l’università è tale grazie agli studenti e la sua evoluzione dipende anche dal numero di nuovi studenti che si vogliono iscrivere a Verona. Bistrattare e censurare le idee e le proposte degli studenti è un atto di profonda mancanza di rispetto nei confronti di una fascia di persone sempre più informate e critiche riguardo la società, portandola a fare cattiva pubblicità all’università stessa

OLTRE: Il rettore Sartor è sempre stato imparziale nelle sue scelte, anche troppo a volte, dando l’impressione che non vi fosse un lato umano dietro le scelte e le decisioni prese ma solo una giusta dose di calcoli e valutazioni

11) Link a vostro programma o pagina Facebook

MEDICINAMENTE: Pagina Facebook

OLTRE: Pagina Facebook


CLICCA SUL NOME DELLA SEZIONE PER LEGGERE GLI ULTIMI ARTICOLI:

“ATENEO”

“CULTURA”

“BACKSTAGE”

“EDITORIALE”

Facebooktwittergoogle_plus

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.