La rassegna “Cinemateneo” e i robot

cinemateneo film her
Facebooktwittergoogle_plusinstagram

Tre film che parlano di intelligenza artificiale proiettati nel giardino del Polo Zanotto, dal 18 al 20 giugno

di Beatrice Castioni

Cinefili, questa è un’iniziativa che non potrete rifiutare! Dal 18 al 20 giugno, dalle 21, torna la rassegna cinematografica “Cinemateneo” ospitata nel cortile della mensa del Polo Zanotto, durante la quale sarà possibile assistere gratuitamente alla proiezione di tre pellicole. Il tema che le collega tutte? Le intelligenze artificiali nel cinema contemporaneo e il rapporto che l’uomo ha nei loro confronti.

Il primo film previsto per il 18 giugno sarà Her, scritto e diretto da Spike Jonze, con protagonista Joaquin Phoenix. Ha vinto il premio Oscar per la miglior sceneggiatura originale e parla di un futuro distopico nel quale i computer hanno un ruolo dominante nella vita delle persone. L’uscita sul mercato di un nuovo sistema operativo provvisto di intelligenza artificiale, in grado perfino di apprendere ed elaborare emozioni, sconvolge gli equilibri.

Cinemateneo 2018
Cinemateneo 2018

Il secondo, proiettato il 19 giugno, si intitola “Automata”, thriller fantascientifico diretto da Gabe Ibanez con Antonio Banderas, ambientato in un futuro apocalittico, nel quale la Terra sta diventando deserto e l’umanità lotta per sopravvivere in un ambiente ostile. La razza umana coesiste con i robot Pilgrim 7000, creati per tentare di recuperare le zone desertiche e per supportare la condizione della società in declino.

Infine la pellicola che chiuderà la rassegna il 20 giugno sarà “Ex Machina”, diretto da Alex Garland e premiato agli Oscar per i migliori effetti speciali. La storia racconta di un giovane programmatore che si aggiudica la possibilità di trascorrere una settimana nella casa dell’amministratore delegato della società per cui lavora. Questo gli rivela subito che la sua casa è un laboratorio di ricerca dove da solo ha progettato e costruito una macchina umanoide dotata di intelligenza artificiale di nome Ava.

La rassegna, a ingresso libero e aperto a tutta la cittadinanza, è stata organizzata dall’università di Verona e curata dal docente di Storia e Critica del cinema Alberto Scandola. In caso di maltempo, l’evento verrà spostato in aula T.2 del Polo Zanotto.


CLICCA SUL NOME DELLA SEZIONE PER LEGGERE GLI ULTIMI ARTICOLI:

“ATENEO”

“CULTURA”

“BACKSTAGE”

“EDITORIALE”

Facebooktwittergoogle_plus

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.