Donne di Univr: Lucrezia Bolla, presidente di Elsa Verona

Consiglio direttivo Elsa Verona 20-21, presidente Lucrezia Bolla

La seconda intervista della serie “Donne di Univr” è a Lucrezia Bolla, studentessa di Giurisprudenza all’Università di Verona e impegnata in Elsa, la più grande associazione europea di Studenti di materie giuridiche

“Donne di Univr” è una nuova rubrica, che nasce per dare voce a tutte le donne che studiano e lavorano all’Università degli studi di Verona. Noi raccontiamo le loro storie.

Lucrezia Bolla, presidente di Elsa Verona
Lucrezia Bolla, presidente di Elsa Verona

Lucrezia Bolla nasce a Padova nel 1997. Si iscrive a giurisprudenza all’Università di Verona per dar voce alla sua innata passione e alla sua indole tenace. «Mi affascina cercare di capire il mondo tramite le dinamiche legali» afferma Lucrezia, presidente già da tre anni di Elsa Verona.

Elsa – The European Law Students’ Association è la più grande associazione europea di studenti di materie giuridiche. È presente in 44 Stati europei ed è membro osservatore in importanti istituzioni europee e internazionali, come per esempio l’Onu. Vanta un network internazionale di 50mila soci e si dirama in tre categorie: Elsa International, Elsa Italia e le 37 realtà locali di Elsa, come Elsa Verona.

«Elsa per me è uno dei miei più grandi amori legali», continua ridendo Lucrezia. «Mi sono avvicinata a Elsa inizialmente perché stavano collaborando ad un evento sulle mafie in Veneto, una tematica per me importantissima, perché purtroppo è una realtà molto presente, ma sottovalutata nel Nord Italia».

Elsa è un’associazione non profit e non a scopo di lucro, che Lucrezia ha infatti «da subito apprezzato per la sua trasparenza e per le sue possibilità formative. Elsa è sicuramente l’esperienza più formativa di tutta la mia carriera universitaria. È un’occasione per testare i propri limiti. Cerchiamo sempre di trattare molti temi, come i diritti dei senza fissa dimora, dei detenuti, della comunità Lgbtq+».

Elsa, inoltre, organizza numerose iniziative, come corsi di scrittura legale, Moot Court Competition (una competizione che prepara gli alunni all’attività giudiziaria attraverso la simulazione, riproducendo le procedure di un autentico processo), Law review: scrivi un articolo (iniziativa che permette di scrivere un articolo sulle più importanti tematiche di attualità con la possibilità di essere pubblicato su riviste internazionali), programma di tirocini in Italia e all’estero e la National Negotiation Competition, ovvero la più grande competizione di negoziazione di Elsa Italia.

L’associazione, per questi progetti, viene affiancata da diversi partner, come l’Università degli studi di Verona, ma anche l’Ordine degli Avvocati, l’Ordine dei Commercialisti e quello dei Giornalisti. Al momento, Lucrezia ed Elsa Verona stanno lavorando all’organizzazione della 64esima Assemblea Nazionale di Elsa Italia, ovvero quattro giorni di convention che si terranno proprio a Verona dal 29 ottobre al primo novembre, Covid permettendo.

Per il futuro, Lucrezia ha già qualcosa in mente: «Di sicuro voglio terminare i miei studi, ma non so cosa farò dopo. Giurisprudenza apre molte porte e voglio essere sicura di pensarci bene», afferma. «Però sono sicura di una cosa: voglio completare al meglio il mio percorso in Elsa. Per me è stato un onore essere eletta per tre anni di seguito. Voglio che il board sia fiero di me».

Consigliaci nuovi nomi

La storia di Lucrezia Bolla ti è piaciuta? Vorresti conoscere altre “Donne di Univr” o ci vuoi consigliare qualche intervista? Scrivici a [email protected].

Leggi anche:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.