La parola ha veramente vinto?

''Il fatto non sussiste''. Con questa sentenza, Erri De Luca è stato prosciolto, ma ha veramente vinto? ''La Tav va sabotata'' con questa affermazione lo scrittore è stato accusato di ''istigazione alla violenza''. Questo non è soltanto un fatto politico, ma viene qui messo in discussione il diritto alla parola, che attraverso l'art. 21 della Costituzione lascia libero arbitrio di esprimere la propria opinione. Allora qual è veramente la colpa dello scrittore? Come mai gli ''intellettuali'' paladini di diritti, non si sono schierati a favore dell'autore di ''La parola contraria''? Soltanto Roberto Saviano e la Feltrinelli Editore si sono dichiarati vicini allo scrittore

The Prodigy a Festareggio

The Prodigy

Il 25 Agosto 2015 c’è stato il concerto dei The Prodigy e di Salmo presso la rinomata Festareggio. Ogni anno la suddetta festa invita artisti famosi, italiani ed esteri. L’anno scorso, ad esempio, c’è stato il concerto dei Bluvertigo (la band di cui il leader è Morgan) e degli Skiantos. Quest’anno la scelta era interessante. Si passava dall’elettronica graffiante dei The Prodigy al reggae degli Alpha Blondy. Di certo il concerto più atteso era proprio quello dei The Prodigy con special guest Salmo. Il tutto è iniziato verso le 20.45, circa, quando sul palco è salito Dj Slait, dj e compositore per il Crew

ISEE Parificato per garantire il diritto allo studio

Una convenzione onerosa salva 400 studenti, ma porta gravi costi all’ateneo. L’Università di Verona è riuscita a trovare una soluzione di fronte ai problemi presentati dal decreto ministeriale 159 del 5 dicembre 2013 (entrato in vigore il 1 gennaio 2015) che permette il calcolo dell’ISEE solo a chi ha domicilio e residenza in Italia escludendo così gli studenti e le studentesse stranieri/e che non avrebbero potuto presentare la domanda per le borse di studio. Di fronte a questa minaccia al diritto di studio che coinvolgeva circa 400 studenti dell’ateneo scaligero, il sindacato UDU Verona, l’ufficio per il diritto allo studio, il

“Togli un posto a tavola che c’è un amico in più!”

La mensa offerta dall’Esu cambia gestione, ma il regolamento è sempre lo stesso. Da qualche giorno a questa parte nei vari gruppi di Facebook dell’Università degli Studi di Verona le bocche degli studenti non sembrano piene di cibo, bensì di numerose opinioni contrastanti nei confronti dei servizi di ristorazione offerti dall’Esu e dall’università stessa che sembrano lasciarli a bocca asciutta. La lamentela è sorta a partire dal fatto che alcuni di questi studenti non erano a conoscenza di un regolamento che effettivamente non era mai stato fatto rispettare nella realtà; tale regolamento prevede il fatto che in mensa non si può mangiare

Il Presidente dell’Esu elogia il fascismo. È subito polemica tra gli studenti.

Domenico Francullo

''Sabaudia-Agro Pontino-I Veneti hanno reso una palude florida sia da un punto di vista agricolo che turistico. Mettiamo in campo qualche vecchia strategia per tirar su questa Italia?'' e "Documento interessante. Mussolini parla di "Maestosa Adunata di Popolo". Parla di Europa costruita con una piramidale ignoranza delle geografie e della storia. Sconvolgente la folla. Non ho mai visto Piazza Brà così piena nei comizi dei vari premier di partito. A quasi un secolo si continua a parlare di una nuova Europa?" sono i commenti che Domenico Francullo, Presidente dell’ESU, accompagna ai discorsi di Mussolini, condividendoli sul suo profilo Facebook. Azione che può

Immagini e a/empatia

Fotografia in guerra

Lo ammetto: non guardo la televisione. Figuriamoci i Tg. Tanto tempo fa decisi che se avessi voluto informazione o intrattenimento, li avrei cercati o sulla carta o nel “posto” più bello del mondo: Internet. Ancora non rimpiango la decisione. Durante le vacanze di Pasqua, però, un giorno all'ora di pranzo mi ritrovai ad accendere l'ignorato, più che odiato, apparecchio. Di fronte a me una pubblicità che so che milioni di voi conoscete bene, in una delle sue molteplici varianti: un bambino africano, denutrito e con gli occhi tristi, fissava lo schermo, e una voce in sottofondo chiedeva di aiutarlo. Alzai lo

Lo sportivo del mese è… F.C. PARMA

Parma

Ebbene si, in questo numero la nostra rubrica parlerà di un’intera squadra anziché di un solo atleta. Il Parma Football Club nasce nel 1913, e come tutte le società calcistiche appena formate, deve partire dalle categorie minori. La risalita verso la massima serie dura fino al 1990, quando, sotto la guida di Nevio Scala, la Società ducale giunge per la prima volta in serie A. E’ l’inizio del periodo che ha segnato maggiormente la storia dei Gialloblù, orfani loro malgrado dell’indimenticato presidente Ernesto Ceresini, mancato proprio quando la sua creatura stava per prendere il volo. Da neopromosso, il Parma ottiene un sesto

Le marionette dell’Occidente

Charlie Hebdo Parigi

A guardare il trattamento da parte dei media delle vittime di Charlie Hebdo e quelle, quasi contemporanee e di gran lunga più numerose, di Boko Haram, verrebbe facile dire esistano morti di serie A e morti di serie B. In queste righe, giusto per chiarirlo fin dall'inizio, non smonteremo affatto questa tesi, poiché è innegabile che sia così, almeno a livello mediatico, ma cercheremo piuttosto di ragionare sul senso di questa disparità di trattamento. Tra gli espedienti più comodi per influenzare l'opinione pubblica vi è sicuramente quello del cavalcare uno stato d'animo quiescente. Tra questi, il più potente, quindi malleabile, è

Chi scrive chi stampa chi legge… Chi viene?

Convegno nazionale su "Situazioni e prospettive dell'editoria italiana" Cinquant'anni di attività non sono una cosa da poco nel contesto editoriale nazionale e locale, considerata soprattutto la difficile situazione economica attuale. Ecco spiegato l'entusiasmo e l'orgoglio della Casa editrice Mazziana di Verona, Editrice di cultura e di temi religiosi, che in occasione dell'importante compleanno ha dato vita a una serie di iniziative di elevato interesse.  Il lancio di una nuova collana internazionale, la ristampa di uno dei bestseller della Casa editrice e il rinnovamento redazionale e grafico della rivista Note Mazziane, colonna portante della Editrice, fanno da cornice ad un più impegnativo e

Alban Fùam | La musica celtica irlandese parte da Verona.

La sera del 21 giugno noi di Pass Magazine abbiamo avuto l'onore e la fortuna di poter assistere ad un concerto davvero suggestivo. Eravamo tra le terrazze di Castelvecchio, con l'Adige a fare da sfondo, ed a incantarci col loro sound, davanti ad un pubblico di centoventi invitati, c'erano gli Alban Fùam, giovane gruppo di ragazzi veronesi con la passione per la musica celtica irlandese.  Al termine del concerto ecco la chiacchierata che ne è seguita: Siete soddisfatti di questa serata? Io direi assolutamente sì. Abbiamo riempito la terrazza sull'Adige, questa location straordinaria della nostra città. Da veronesi ci tenevamo a fare un