I volti di Pass: Alice

Alice Stivala

La rubrica dedicata al “dietro le quinte” del nostro giornale Articolo comparso nella sezione “Backstage” del n° 47 di Pass Magazine di Jessica Turato Questo mese per la rubrica dedicata ai volti “meno in vista” di Pass, abbiamo scambiato qualche parola con Alice Stivala, a capo del team grafico del nostro magazine. Innanzitutto, presentati. Mi chiamo Alice, ho 24 anni e sono laureanda in design all'Accademia delle belle arti qui a Verona. Come sei venuta a conoscenza di Pass e da quanto tempo collabori? Ormai sono tre anni che collaboro, dal novembre del 2014. Sono venuta a conoscenza di Pass grazie alla mia coinquilina, che mi

Intervista allo studente fuori sede: Martina

L'esperienza di Martina, studentessa al terzo anno di Beni culturali Articolo comparso nella sezione “Backstage” del n° 47 di Pass Magazine di Emanuela Raimondi e Carla Raso Sempre più giovani decidono di abbandonare la comfort zone della casa natale per inseguire i propri sogni e cercare di realizzare i propri progetti. Carenza di sedi universitarie nelle proprie città, desiderio di frequentare corsi di studio specifici o semplice voglia di autonomia, molti sono i fattori che spingono i giovani allo status di studenti fuori sede. Abbiamo chiesto a Martina F., studentessa campana prossima alla laurea in Beni culturali, di raccontarci la sua esperienza. Quando hai deciso di

Diversamente in Danza partecipa all’iniziativa di Aviva

L'impresa sociale cerca supporto per accedere alla fase finale dell'iniziativa “Aviva Community Fund”. Ce ne parla Giulia, studentessa di Scienze dell'educazione di Gianmaria Busatta Come ha scritto molto bene Alessandro qualche mese fa, la nostra università non è un diplomificio, ma molto altro, e Pass contribuisce a rappresentare «quella categoria di giovani che guarda al futuro con fiducia e con qualche timore, ma con una gran voglia di rimboccarsi le maniche». Abbiamo raggiunto Giulia Olivieri, studentessa del secondo anno di Scienze dell’educazione e consigliere e ballerina dell’impresa sociale Diversamente in Danza. “Diversamente in Danza” – ci spiega Giulia – propone laboratori alle scuole di danza, coinvolgendo persone abili,

Madrid tre mesi dopo

Diario di bordo di Chiara Gianferotti Articolo comparso nella sezione "Backstage" del nr° 47 di Pass Magazine di Chiara Gianferotti ¡Hola chicos! Ecco il nuovo appuntamento con le mie (dis)avventure spagnole. All’alba del terzo mese di Erasmus, sono qui a parlarvi della vita studentesca di Madrid e della mia università. L’Universidad San Pablo CEU è privata e cattolica: appena arrivata non potevo che avere qualche pregiudizio, ovvero che fossero tutti un po’ “figli di papà”. Per fortuna ho avuto modo di conoscere persone che hanno smentito questi miei timori. Interagire e fare amicizia con i ragazzi spagnoli è difficile, ma non impossibile: spesso si trovano nella nostra stessa situazione, fuori sede e

Università e contorni — Consigli pratici per studenti affamati

pranzo cibo

Consigli pratici per studenti affamati Articolo comparso nella sezione “Backstage” del nº 47 di Pass Magazine di Giorgia Turchetto Cappuccino e cornetto, panino al bar, snack al cioccolato: questa la tipica dieta di una giornata di studio in Frinzi. Rapida, gustosa, apparentemente economica: cosa potrebbe non funzionare? La dottoressa Silvia Pogliaghi — medico chirurgo, specialista in medicina dello sport e docente di Fisiologia dell’esercizio e Nutrizione a Scienze motorie — ci ha spiegato come il cibo influenza la qualità delle ore che passiamo sui libri. Prestare attenzione a ciò che mangiamo può aiutarci a mantenere la concentrazione ed evitare la sonnolenza dopo pranzo:

I volti di Pass — Matteo

La rubrica dedicata al dietro le quinte del giornale Articolo comparso nella sezione “Backstage” del nº 46 di Pass Magazine  di Sara Faroni Pass Magazine vuole mettere i suoi lettori a tu per tu con gli studenti che svolgono le mansioni meno visibili all’interno della redazione, ma che garantiscono lo svolgimento di tutte le attività legate al magazine dell’università. Perché partecipare ad un giornale oggi non significa solo scrivere articoli, ma anche curare il sito, gestire i profili social, realizzare la grafica e molto altro. In questo numero Matteo Busi ci parla del suo impegno con il sito web di Pass. Innanzitutto, presentati. Mi chiamo Matteo,

Università e contorni – I locali preferiti dagli studenti

Aperitivo spritz bar

Quale locale preferiscono gli studenti veronesi per la pausa pranzo o l’aperitivo? Articolo comparso nella sezione “Backstage” del nº 46 di Pass Magazine di Jessica Turato Uno degli obiettivi di Pass è avvicinarsi alla realtà degli studenti Univr. In questo numero, invece di intervistare i proprietari dei bar della zona universitaria, abbiamo passato la parola proprio agli studenti che, curiosi e divertiti, hanno risposto alle nostre domande: quale locale nei dintorni della tua facoltà preferisci? Per quale motivo? Lo consiglieresti ai tuoi colleghi? È emerso che i fattori che più incidono sulla scelta dei bar sono, come è facile immaginare, il prezzo dei

Eventualmente…

Aegee Verona

Aegee Verona si racconta a Pass Magazine di Francesco Frison Articolo comparso nella sezione “Backstage” del nº 46 di Pass Magazine Le sedute di studio, le pause caffè in chiostro, le semplici passeggiate, sono talvolta interrotte, con piacere o meno, da loschi figuri che fanno volantinaggio: i PR. Non guardateli male (nemmeno troppo bene se sono fidanzati) poiché non hanno colpe. Sono solamente l'ultimo ingranaggio a mettersi in moto quando si organizza un evento. A loro spetta il compito di portarlo a pubblica conoscenza. Il passaggio precedente, nel caso degli aperitivi linguistici organizzati da Aegee Verona, consiste nello scegliere la data in cui distribuire

Che l’avventura abbia inizio!

Madrid

Un mese in terra spagnola Il diario dall'Erasmus di Chiara Gianferotti Articolo comparso nella sezione “Backstage” del nº 46 di Pass Magazine Hola chicos! Sono Chiara, una studentessa di Verona di Lingue per l’Editoria, e durante quest’anno accademico vi accompagnerò qui su PASS con le mie (dis)avventure direttamente da Madrid. Iniziamo! In questo primo capitolo vi parlerò dell’università. Ci tengo a precisare che molte cose possono cambiare da un ateneo spagnolo all’altro e che qui leggerete la mia esperienza personale. Nonostante si pensi che l’Erasmus in Spagna sia solo grandi divertimenti, ci tocca anche studiare! Il sistema universitario spagnolo è completamente diverso rispetto al nostro in

Vita da studente fuori sede

Polo Zanotto chiusura università di verona

L’esperienza di Michael M., al secondo anno di Scienze Giuridiche Articolo comparso nella sezione “Backstage” del nº 46 di Pass Magazine di Emanuela Raimondi e Carla Raso Sempre più giovani decidono di abbandonare la comfort zone della casa natale per inseguire i propri sogni e realizzare i propri progetti. Carenza di sedi universitarie nelle proprie città, desiderio di frequentare corsi di studio specifici o semplice voglia di autonomia, molti sono i fattori che spingono i giovani allo status di studenti fuori sede. Questo mese abbiamo chiesto a Michael M., studente alto-atesino di madre lingua tedesca al secondo anno di Scienze giuridiche, di raccontarci la sua