Brillante inizio della stagione teatrale a Verona

Tempo di lettura: 2 minuti

Al Teatro Nuovo lo spettacolo Smith e Wesson.

Vivere una vita autentica e rischiare di morire, o morire ogni giorno rimanendo vivi? Questo è uno dei topos principali dello spettacolo teatrale Smith e Wesson. Il 9 novembre scorso è iniziata la stagione teatrale al Teatro Nuovo di Verona, che  si è aperta con lo spettacolo Smith and Wesson tratto dall’omonimo libro di Alessandro Baricco, con Natalino Balasso, Fausto Russo Alesi, Camilla Nigro, Mariella Fabbris e la regia di Gabriele Vacis.

una scena dello spettacolo

Una scena dello spettacolo

Ai  piedi delle cascate del Niagara vivono in una baracca Tom Smith e Jerry Wesson. Il primo è un inventore e metereologo, raccoglie su un taccuino dati sul tempo che userà per fare statistiche. Wesson invece è un pescatore, nel senso che pesca i corpi di chi si suicida gettandosi nelle cascate. Un giorno alla loro porta bussa Rachel Green, una giovane donna di ventitrè anni che vuole diventare una giornalista, e per farlo deve trovare una notizia sensazionale da mandare al suo capo. Rachel decide quindi di buttarsi dalle cascate del Niagara, non per morire, ma per vivere. Vuole scrivere la notizia ed essere, al contempo, la notizia, e ha bisogno sia dell’ingegno di Smith che  di Wesson che conosce le cascate “meglio delle sue mutande”. Sopravvivrà alla forza della natura o morirà nel tentativo di superare se stessa e le cascate? I dialoghi, taglienti ed ironici, mostrano la società americana dei primi anni del Novecento. La scenografia molto plastica si trasforma, muta in innumerevoli luoghi. Le repliche si svolgeranno fino a domenica 13 novembre. Vi è la possibilità di fare gratuitamente la tessera “under 26” per avere considerevoli riduzioni sul prezzo degli spettacoli.

Per ulteriori informazioni www.teatrostabileveneto.it , per prenotare i biglietti chiamare invece il numero 0458006100. Il teatro nuovo è situato in Piazza Viviani 10.

Benedetta Togni

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − dodici =