Buoni propositi…traditi: ecco come reagiscono gli studenti univr alla pubblicazione delle date degli esami

Tempo di lettura: 2 minuti

come-studiare-senza-stressarsi-troppo_cd177ee1e36454b19b136e326eee576eContinuano i sondaggi firmati Pass Magazine, continuano le sorprese. Questa volta verranno messe nero su bianco le reazioni degli studenti di fronte alla pubblicazione delle date degli esami. La maggior parte degli studenti sembra essere molto organizzata, ma ben presto la buona volontà sembra sparire.

Scoperte le date degli appelli d’esame, il 55,6% degli universitari veronesi sostiene di voler programmare nei minimi dettagli le giornate di studio fino alla fine della sessione estiva, ormai dietro l’angolo. Purtroppo però, nonostante un piano ben studiato, non riesce a seguirlo come si dovrebbe ed entro pochi giorni tutti i buoni propositi vanno in fumo.

Al contrario, invece, il 25,3% degli studenti afferma di pianificare, in maniera accurata, il proprio studio senza commettere errori di distrazione che comporterebbero una perdita di tempo. È una parte della platea studentesca molto attenta e ligia al dovere. C’è, invece, chi affronta l’imminente sessione con più sportività e più tranquillità: un buon 10% pensa che il calendario degli esami sia uno stimolo alla vita, cogliendo l’attimo e divertendosi prima della reclusione forzata.

Chiudono questa “sessione” di studio coloro che, desiderosi di godersi l’estate prima di tutti gli altri, puntano ai preappelli così che non si debbano preoccupare di programmare lo studio. A far loro compagnia, ci sono gli studenti che vivono in beatitudine e solo dopo giorni dalla pubblicazione delle date degli appelli, si accorgono che è ora di rimboccarsi le maniche perché gli esami stanno arrivando.

Ancora una volta gli studenti veronesi mostrano le loro diversità, ma un denominatore comune rimane: la sessione esami arriva per tutti!

 

Alessia Venturi

Miriam Romano

Direttrice e proprietaria di Pass da settembre 2013. Prossima alla laurea in Giurisprudenza. In passato ha collaborato con alcune riviste locali e preso parte al progetto del giornale online "Il Referendum". Si interessa di attualità e politica.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =