Caccia alla biblioteca!

Tempo di lettura: 3 minuti

“Uno dei malintesi che dominano la nozione di biblioteca è che si vada in biblioteca per cercare un libro di cui si conosce il titolo. […] ma la principale funzione della biblioteca, almeno la funzione della biblioteca di casa mia e di qualsiasi amico che possiamo andare a visitare, è di scoprire dei libri di cui non si sospettava l’esistenza, e che tuttavia si scoprono essere di estrema importanza per noi” (Umberto Eco).

A volte, però, non si ignora solo l’esistenza di alcuni libri, come dice Eco, ma anche delle biblioteche stesse!

Nella nostra università, oltre alle biblioteche centrali “A. Frinzi” nel polo umanistico in zona Veronetta e “E. Meneghetti” nel polo medico/scientifico a Borgo Roma, sono ubicate all’interno dei diversi dipartimenti altre piccole biblioteche. Malauguratamente, spesso la loro esistenza viene ignorata da molti studenti che si affidano principalmente e/o esclusivamente alle biblioteche centrali. Per compiere la ricerca del titolo desiderato ci si avvale del Catalogo multimediale OPAC che permette di scoprire la collocazione dei libri all’interno di tutte le biblioteche dell’ateneo. Spesso, per mancanza di tempo o, come più di frequente accade, per svogliatezza, ci si ferma alla prima collocazione che, nella maggior parte dei casi, corrisponde alla biblioteca centrale. Ma se si ci si sofferma sulla riga successiva lo stesso libro può trovarsi anche in una delle piccole biblioteche dipartimentali.

Ma dove si trovano?
Sembra quasi una caccia al tesoro. Innanzitutto bisogna sfatare il mito della classica biblioteca dagli scaffali imponenti che circondano i tavoli predisposti per la lettura all’interno di un ampio luogo illuminato. Sono piccole stanze, dislocate in vari punti dell’ateneo, con pochi posti a sedere, ma accoglienti, dove si crea un’atmosfera confortevole alla lettura e allo studio.
Si parte dal polo umanistico/economico/giuridico, al Polo Zanotto troviamo le biblioteche “Franco Riva” al secondo piano appartenente a Filologia, Letteratura e Linguistica, mentre lungo il corridioio del terzo piano si situa quella del dipartimento TESIS, ovvero Tempo, Spazio, Immagine e Società. Spostandosi nel Palazzo di Lingue, si percorre il cosidetto corridioio con gli “oblò” al piano terra c’è la biblioteca “Walter Busch”, ex germanistica e slavistica, mentre al terzo piano si trova quella di Romanistica.
Appartenenti al dipartimento di Filosofia, Pedagogia e Psicologia ci sono la biblioteca di Filosofia al secondo piano del Palazzo di Lettere e quella di Scienze dell’Educazione in Lungadige Porta Vittoria. Rimanendo sempre sul lungadige, si trova anche la biblioteca di Storia Economica e Sociale, mentre in vicolo Campofiore è ubicata quella di Scienze Economiche e nel Palazzo di Economia quella di Economia Aziendale. In ambito giuridico, invece, la biblioteca di Scienze Giuridiche è situata presso Palazzo Giuliari.
Trasferendosi al polo medico-scientifico-tecnologico a Borgo Roma, nel dipartimento di Informatica la biblioteca è quella di “Bruno Forte”; lungo la via Strada Le Grazie alcuni dipartimenti hanno ubicate qui le loro biblioteche: come Scienze della Vita e della Riproduzione che comprende quelle di Biologia e Genetica e Chimica Biologica, insieme anche quella di Biotecnologie. Invece per il dipartimento di Patologia e Diagnostica ci sono quelle di Microbiologia e Patologia generale, per Sanità Pubblica e Medicina di Comunità la biblioteca di Epidemiologia e Statistica Medica, infine per Scienze Neurologiche e del Movimento c’è la biblioteca di Anatomia e Istologia. Nei pressi di P.le L.A. Scuro sono concentrate la maggior parte delle biblioteche di questo polo. Il dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità qui può contare ben quattro biblioteche, ovvero Farmacologia, Medicina del Lavoro, Medicina Legale “Amleto Loro” e Psichiatria e Psicologia Clinica. Patologia e Diagnostica, invece, possiede Radiologia, Immunologia e Malattie Infettive.
Ultima ma non meno importante, il dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento situa in questa zona solo una biblioteca, Neurologia e Neuropatologia poiché altre due sono ubicate altrove, Neurochiurgia in P.le Stefani e Scienze Motorie in via Casorati, nei pressi di Borgo Venezia.
Ora che si è a conoscenza di altri posti dove recuperare i libri da noi scelti, armatevi di buona volontà e voglia di camminare!
di Alessia Venturi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + nove =