Last Christmas: non il classico film natalizio

Last Christmas
Tempo di lettura: 3 minuti

Oggi noi di Pass vi auguriamo buone feste con l’ultimo appuntamento della rubrica natalizia. In queste quattro settimane abbiamo tentato di tenere alto lo spirito natalizio proponendovi dei film leggeri ma comunque molto significativi. Chiudiamo quindi il cerchio con “Last Christmas”, un film ironico e a tratti romantico, che invita il pubblico a compiere del bene e a non disprezzare ciò che possiede.

Natale per molti significa pranzi e cene in famiglia per poi scambiarsi i doni attorno a un albero pieno zeppo di lucine. Ma non per Kate (Emila Clarke), una Bridget Jones 2.0 che cerca di fare di tutto per stare lontano dalla casa dei suoi genitori, ex immigrati dalla Jugoslavia, facendosi ospitare – e successivamente sfrattare – da tutti i suoi amici. A causa del suo egocentrismo e fragilità si ritrova spesso sola, anche durante il periodo natalizio. L’unica sua costante è il suo nuovo lavoro da elfo in un negozio di articoli per il Natale, grazie al quale un giorno incontra Tom (Henry Golding), un ragazzo buono, altruista e completamente diverso da lei che le ripete spesso di guardare in alto, verso il cielo.

Una scena tratta da Last Christmas in cui Tom invita Kate a guardare verso il cielo.

Tra i due nascerà dapprima un’amicizia, per poi diventare qualcosa di più. Kate per la prima volta inizia quindi ad aprirsi con lui, parlandogli del suo trapianto di cuore che l’ha profondamente cambiata e sconvolta facendole perdere la rotta. Tom a sua volta, sembra esserci sempre per lei, l’aiuta quando gli altri non lo fanno e le apre gli occhi sulle cose che contano veramente, come la famiglia e aiutare il prossimo. Ma questo ragazzo così disponibile e gentile nasconde un segreto che cercherà di rivelarle, senza riuscirci davvero. Sarà Kate a scoprire l’amara verità per puro caso e questo la cambierà ulteriormente.

Last Christmas sembra avere fin dall’inizio tutti i presupposti per essere uno di quei film natalizi fatti di romanticismo e buone intenzioni. La trama sembra la solita: lui e lei si incontrano per caso, hanno due personalità diversissime tra loro e nonostante questo si innamorano dimostrando che gli opposti si attraggono, soprattutto a Natale. Ma più si va avanti con la storia, più si capisce che questo non è il classico film che ci si aspetta. Ovviamente l’ironia e il romanticismo non mancano, ma c’è molto altro e merita per questo una chance.

Tom e Kate nel negozio di articoli natalizi

Perché guardare questo film natalizio?

  • per vedere Daenerys Targarien vestita da elfo di Babbo Natale;
  • per cantare le canzoni di George Michael come l’intramontabile Last Christmas (I gave you my heart…);
  • Emma Thompson – nota anche per il ruolo della professoressa Sibilla Cooman in Harry Potter – che parla con accento jugoslavo;
  • se siete amanti delle lucine natalizie questo film ne contiene una “discreta” dose;
  • se si ha voglia di un pizzico di romanticismo per scongelare il vostro cuore di ghiaccio;
  • se vi è piaciuto Il diario di Bridget Jones e volete ridere un po’.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =