Nuovo sportello-lavoro per gli studenti

Tempo di lettura: 2 minuti

Suv e Cisl insieme per fare chiarezza nella giungla dei contratti

Articolo comparso nella sezione “Ateneo” del nº46 di Pass Magazine

di Emanuele Ciccarino

Una collaborazione tra la lista studentesca Suv (Studenti universitari veronesi) e la Cisl (Confederazione italiana sindacati lavoratori) ha portato all’attivazione di un nuovo servizio a disposizione degli studenti dell’università di Verona. Si tratta di uno sportello di consulenza sul lavoro gestito da specialisti della Cisl con l’appoggio dei rappresentanti della lista Suv, in particolare di Leonardo Frigo, studente del dipartimento di Economia.

Lo sportello sarà aperto ogni primo e terzo mercoledì del mese dalle 14.30 alle 16.30 nella postazione di Suv all’interno degli spazi delle associazioni studentesche di via Campofiore, 17.

Lo sportello nasce con lo scopo di aiutare gli studenti e le studentesse del nostro ateneo che lavorano per mantenersi durante gli studi. Essendo giovani e alle prime esperienze lavorative non è facile orientarsi nel mondo dei contratti. Basti pensare alle tipologie di contratto che possono esserci, in base a ciò che richiede l’impiego, al datore di lavoro o alla durata del rapporto. Oltre a questi fattori entrano in gioco tante altre variabili ed elementi che, per chi sta iniziando a muovere i primi passi nel mondo del lavoro, sono elementi di cui si è sentito parlare alla televisione o letto su qualche giornale, ma che non sono conosciuti nello specifico. Elementi come le trattenute, il regolamento del TFR, tredicesime, ferie…

La Cisl ha appoggiato l’iniziativa e ha deciso di mettere personale qualificato a disposizione di chiunque abbia domande riguardanti la propria situazione, consulenti del lavoro che possano rispondere ad ogni domanda e chiarire ogni dubbio. Uno strumento di informazione senza dubbio, ma anche di tutela, al quale il gruppo Suv ha deciso di dare supporto pubblicizzando l’iniziativa e offrendo un posto facilmente raggiungibile da tutti gli studenti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 17 =